Lettori fissi

domenica 14 agosto 2011

Magie d'amore. Ovvero come un portafogli ben fornito può fare la differenza

Checché ne dicano neoromantici e pseudomoralisti, il denaro è il miglior afrodisiaco che ci sia al mondo. Sul serio, roba da far impallidire il leggendario mai-più-moscio dell'altrimenti più che cestinabile spia rubacuori Austin Powers.

Per quanto mi riguarda la prova di quanto affermo è data dalla coppia di quasi-amici-più-che-conoscenti che mi ritrovo a frequentare da un po' di tempo a questa parte.

Lei. O almeno come l'ho
vista dopo aver saputo
un paio di cosette sul suo
conto
Lei è una bellezza prematuramente stagionata da eccesso di lampade ultraviolette e trucco in quantità tale da poter consegnare ai posteri un calco in gesso dei suoi lineamenti sul modello di quanto è accaduto a Pompei. E la cosa più divertente è che neanche ne avrebbe bisogno considerata la sua bellezza naturale.
All'attivo a più concorsi di bellezza e sfilate di moda che processi Berlusconi.


Lui è la versione 2.0 di Bruno Sacchi dei Ragazzi della 3°C. Fisicamente parlando. Quanto a simpatia, beh, l'unico modo per riuscire a cavargli due parole che siano due è quello di aprirgli la bocca con un cric, infilargli una mano giù per l'esofago e rovistare nello stomaco per farle uscire fuori.

Lui, in un paragone che calza più che a
pennello

Insomma, capire quali fili il destino abbia mosso per far mettere insieme questi due è stata un'impresa degna della ricerca della risposta alla domanda universale (a proposito, è 42).
Almeno fino a quando non ho visto con i miei occhi il misero catorcio con cui va in giro: un Porsche Cayenne full optional a benzina.
A quel punto un sospetto ho cominciato ad averlo.
Sospetto che è maturato in certezza quando sono stato messo al corrente della lista di regali fatti nell'arco di sei mesi (brillocchi, orologi, borse di marca etc.).
E del fatto che il tipo in questione è figlio di un noto imprenditore che ha le mani in pasta in diversi settori, dall'edilizia alla ristorazione.

Altro che peperoncino. Altro che cioccolato. Altro che Mai-più-moscio.

Nessun commento:

Posta un commento