Lettori fissi

lunedì 7 maggio 2012

Parli con me? - Il parcheggiatore abusivo

L'altro giorno io e Princess Nympho siamo usciti per la passeggiatina domenicale.

Non faccio in tempo a parcheggiare che mi si materializza a fianco un parcheggiatore abusivo. Dove cazzo eri cinque secondi fa??? Niente niente fossi stato in passato un membro dei reparti speciali???

Come da copione porge la mano come per dire "capo, a suo buon cuore ma me devi da' li sordi".

Normalmente per quieto vivere lascio sempre qualcosa, e alla fine uno si deve arrangiare, per carità.

Però il posto l'ho trovato da solo, senza che tu facessi il minimo gesto per indicarmene uno. Per quale motivo dovrei anche solo sprecare energie per mettere la mano in tasca e tirare fuori gli spicci?

E neanche quelle che dal tuo punto di vista dovrebbero essere velate minacce riusciranno a farmi cambiare idea:

Che vuol dire che hai paura che me la graffino? Amico mio, guardala: ha più bozzi di un ex pugile professionista e più cicatrici di un Pitbull che combatte negli incontri clandestini.

Hai paura che me la rubino? Amico mio, se riescono a farla partire vuol dire che meritano di averla al posto mio.

Hai paura che mi buchino le gomme? Amico mio, sto aspettando solo una scusa per poterle cambiare, e comunque ho il ruotino e un paio di "gonfia e ripara" sempre a portata di mano.

Quando ha capito con chi aveva a che fare ha deciso di mollare il colpo, Dopotutto, accanto a me aveva parcheggiato un X6 nuovo di pacca.

Nonostante le preoccupazioni di Princess Nympho, al mio ritorno la macchina non portava i segni di nessuna ritorsione.

O se c'era, era talmente piccolo che si confondeva tra graffi ed ammaccature.

2 commenti:

  1. un giorno vorrei farmi un giro su un X6 (chissà quanto costa affittarla solo per un giorno) per scoprire cosa si prova con quell'imponenza meccanica e se davvero si diventa dei maleducati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naahh, non credo. Cioè, per come la penso io maleducati non ci si diventa dall'oggi al domani: è un orto che va coltivato con cura, un po' come l'umiltà.

      Elimina