Lettori fissi

giovedì 7 giugno 2012

Riflessioni sulla tazza del cesso #19


Mi piace pensare di essere un uomo dalle poche virtù e dai molti difetti.

Uno di questi è un certo giramento di coglioni ogni qualvolta un tizio si rivolge a me per chiedere pretendere una certa qual informazione e/o prestazione (non sessuale, anche se certa gente meriterebbe seriamente di essere sodomizzata con un preservativo di carta vetrata) senza neanche dire buongiorno o buonasera.

Sarò fatto a cazzo di cane ma se c'è una cosa che ho imparato è l'educazione: rivolgiti a me con educazione ("buongiorno, potrei avere un'informazione?") e io ti srotolo il tappeto rosso. Trattami di merda ("Dammi un tavolo, e sbrigati che c'ho un appuntamento") e io ti mando a giocare a calcetto su un campo minato.

hehe, grande Tomas...

Nessun commento:

Posta un commento