Lettori fissi

mercoledì 26 settembre 2012

Riflessioni sulla tazza del cesso #24


Io sono un uomo. E con "uomo" intendo "individuo dotato di organi riproduttivi maschili".

L'organo riproduttivo maschile è il pene, nome scientifico a cui fanno da contraltare epiteti come pirla, glande, minchia, banana, cetriolo e altri articoli da reparto ortofrutticolo che non ho voglia ne' il tempo di approfondire.

è risaputo che gli uomini ragionano in funzione del proprio pene, da qui l'appellativo che la saggezza popolare ci affibbia dai tempi in cui ancora dovevamo difenderci dagli orsi delle caverne: "testa di cazzo".

è risaputo anche che lasciare il compito di prendere decisioni importanti ad un organo concepito, progettato e realizzato per ficcarsi in anfratti bui ed umidi raramente è cosa furba.

Lascia ad un uomo il compito di prendere decisioni importanti e puoi essere certo al 99,99% che delegherà tutto al cazzo.

Da qui anche l'origine, quando fai una scelta demente perché in quel momento stai solo pensando a scopare,
 dell'espressione "fare una cazzata".

E, se il cazzo non facesse continue iniezioni di sostanze derivate dall'oppio alla parte pensante del mio sistema nervoso, probabilmente avrei mandato affanculo Princess Nympho da un bel pezzo.

Fammi posto, va...



Oggi sono andato alla posta.

La zingarella all'ingresso allunga la mano per chiedere al mio buon cuore di posarle qualche spiccio sul palmo.

Le faccio vedere i bollettini di luce, gas, telefono, bollo auto e altre bollette arretrate da me dimenticate ma che Equitalia ha gentilmente pensato di ricordarmi.

Io: "Quando esco fammi un po' di posto, va..."

giovedì 20 settembre 2012

C'è stato un tempo in cui avevo dei valori...

...poi mi è arrivato il bollo, l'RCA, l'assicurazione sulla vita e gli unici valori che mi sono rimasti sono la glicemia e i trigliceridi...

lunedì 17 settembre 2012

Non ho un cazzo da fare #25


Il pene sanguinerà un pochino. Potresti dover dormire con un asciugamano per evitare di sporcare le lenzuola. Se perdi tanto sangue devi tornare qui perché significa che c'è di mezzo un'arteria… Ma è estremamente raro.
Il secondo rischio sono le infezioni. Ovviamente tagliare la pelle e rimuoverla lascia esposta la carne viva, dove si possono insediare i batteri. Le zone intime non sono la parte più pulita di un uomo, non importa quanto si lavi, quindi c’è questo rischio. Se dovesse diventare molto rosso, gonfio, se ci fosse del pus, vai dal tuo medico e prendi degli antibiotici.
Il rischio finale è la sensibilità della punta del tuo pene. Cambierà, inizialmente sarà ipersensibile, perché adesso è ben coperto da uno strato di pelle mentre dopo sarà esposto, quindi sfregherà contro i vestiti e di conseguenza potrebbe infiammarsi un po’. Inoltre si seccherà; usa una crema o la vaselina per mantenerlo idratato.


Robetta che ho letto su Vice.

Se sei una donna, avrai letto con più o meno interesse a seconda di quanto dell'argomento possa fregarti qualcosa.

Se sei un uomo probabilmente non avrai neanche finito di leggere le prime cinque parole del primo punto perché ti sia passata la voglia di farti circoncidere.

Ma quale cazzo di pervertito malato mentale potrebbe pensare di mettere volontariamente a disposizione i propri gioielli di famiglia di un tizio armato di bisturi per farsi un taglia e cuci?!?!?!

P.S. - La foto del cazzo è mia. Mi piace pensare all'ironia del fatto che io, ateo militante, possa avere un cazzo scappellato "al naturale" senza bisogno di un operazione che altre religioni per contratto spirituale impongono ai propri fedeli che non salteranno certo dalla gioia di vedersi i gioielli di famiglia tagliuzzati.

sabato 15 settembre 2012

10 vaffanculo prima di andare a dormire


  1. 'fanculo al Molto Onorevole Genitore, che prima di andare a trovare mio nonno al campo santo vorrebbe darmi tutto ciò che suo padre non è riuscito a dare a lui, quando l'unica cosa che volevo da lui l'ho già avuta: la sua cazzo di stima.
  2. 'fanculo all'aiuto cuoco egiziano che rifiuta il mio ateismo sostenendo che devo per forza credere in qualcosa. Io credo in qualcosa. Credo nel fatto che se uno ha bisogno della promessa di un paradiso di merda per comportarsi una spanna meglio degli altri non è un fedele. Solo un opportunista del cazzo come ce ne sono già più che abbastanza al mondo.
  3. 'fanculo alla Duchessa Vorrei Ma Non Posso che da quando si è sposata si sente tanto superiore da far pesare a tutti il fatto che nessuno ormai è abbastanza serio da metter su famiglia.
  4. 'fanculo al collega che vuol darmi veramente a bere di essere contento di essere un ragazzino sottopagato perché non ha avuto voglia di alzare il culo e farsi un'università di merda, tenendosi un diploma di liceo classico che vale meno della carta igienica con cui mi pulisco il culo.
  5. 'fanculo alla ragazza scontenta del mio rapporto con Princess Nympho perché a suo dire meriterei di meglio, la stessa ragazza che quando ho trovato il coraggio di dichiararmi ha preferito che rimanessimo amici.
  6. 'fanculo alla ragazzina dodicenne che gira con la maglietta con la scritta "senza maglietta sono meglio", e 'fanculo alla madre che gliel'ha comprata.
  7. 'fanculo al tizio per cui ho lavorato due (e sottolineo: due) anni orsono e che ancora non ha mosso il culo per pagarmi dicendo di essere a secco. A secco per pagare me, ma non per pagarsi una settimana a Ibiza.
  8. 'fanculo a Princess Nympho che fa le faccette da arrapata quando cerco di fare un discorso serio (si, ne sono ancora capace, cazzo).
  9. 'fanculo al principale che nonostante i cinquecento coperti al giorno fa segno di no col dito alla mia richiesta di un pidocchioso contratto a progetto perché gli costerei troppo di tasse.
  10. 'fanculo alla stronza che fa pisciare il cane vicino ai tavoli che ho appena pulito e che, alle mie ragionevoli proteste, risponde di farmi i cazzi miei e di pensare a lavorare: sappi che so dove abiti e un bel giorno, all'ora di pranzo, mi presenterò a casa tua e lascerò una pozza di piscio velenoso accanto al tavolo dove tu e quello stronzo di tuo marito starete pranzando.


giovedì 13 settembre 2012

Non ho un cazzo da fare #24

Portando il caffè ad un cliente


Cliente: "Non è che per caso hai la canna?"

Io (sottovoce con fare cospiratorio): "shhhhhh!! Parla piano che gira la finanza!"

Segni premonitori


Quando Princess Nympho si ritrova la faccia imbrattata di maionese per aver tentato di aprire coi denti la bustina (con le mani è capace di opere che un gentiluomo non dovrebbe riferire, ma per aprire le bustine dei condimenti è negata), e invece di incazzarsi come una iena scoppia a ridere, è in quel momento che so che la serata prenderà una piega interessante...

lunedì 10 settembre 2012

Ho letto da qualche parte che bere tanto caffè diminuisca il rischio di depressione.

Sarà. A me, a parte una leggera tachicardia, fa venire solo voglia di uccidere qualcuno in modi tanto sadici quanto fantasiosi.

Cercasi sostanza stupefacente per destare la propria attenzione sul mondo.

Dopo questa stronzata diamo un senso alla giornata e torniamo al lavoro.

Dallo sfogo violaceo che ho sotto l'ascella auguro a tutti un buon proseguimento di serata.

Un normale giorno di lavoro



Chef (riferendosi ad un episodio che mi ha visto diventare quasi zoppo a causa di una chiazza d'olio lasciata da un'impepata di cozze sbrodolona): "Come va il ginocchio?"

Io: "il ginocchio va bene, è il cazzo che mi si è rotto"

Collega (quello che sostiene sia meglio lavorare in nero): "oh, ieri sono andato a farmi un massaggio dalle cinesi"

Io: "c'è qualche motivo per cui pensi debba esserne messo al corrente?"

Collega (ignorando il sarcasmo): "oh, ma lo sai che è vero che ti fanno una sega? Però non è una cosa maliziosa, è per farti rilassare mi hanno detto."

Io: "E ti ci voleva una cinese (per quanto graziosa potesse essere) per capire quanto possa essere rilassante una bella pippa?"

Cliente: "Che mi dice di queste cozze? Per lei sono buone?"

Io: "Non saprei signora: io non mangio cozze."

Cliente: "Come mai?"

Io: "Diciamo che fra mia sorella e le amiche che la vengono a trovare quotidianamente di cozze ne ho abbastanza".

sabato 8 settembre 2012

S.M.S. o S.O.S


Princess Nympho mi manda un sms:
Cazzo amore, non vedo l'ora di vederti per farlo due settimane senza scopare sono state infernali

Lo dici a me amore? Che potrei demolire una macchina usando l'erezione che ho come mazza?

P.S.: Devo ricordarmi di ringraziare le amiche di Princess Nympho per averle regalato quel vibratore che lei si vergogna a farmi vedere...

venerdì 7 settembre 2012

Sono un fottuto caso umano - Lovas, il tecnovoyeur


Per fare un favore ad un collega digiuno di nozioni informatiche ho preso in custodia la sua pen-drive per mettere su cd delle canzoni che ci teneva sopra.

Sono sempre contento quando ho l'occasione di mettere le mani su questa roba, perché farmi i cazzi degli altri con il loro permesso mi diverte da morire.

Mi diverte meno il prendere atto che la maggior parte della gente è abbastanza furba da non tenere sulle pennette segreti scabrosi e/o divertenti...

giovedì 6 settembre 2012

Il solo motivo per cui ricorderò l'estate 2012 con un sorriso è l'esercito di pantaloncini a giro figa che ho visto passeggiare per strada.

mercoledì 5 settembre 2012

Come creare un serial killer in sette mosse




  1. Prendi un tizio con pochi soldi in tasca. Ancora meglio se con zero prospettive per il futuro;
  2. Fallo lavorare a ritmi serrati sei giorni su sette senza che gli vengano riconosciuti diritti basilari come malattie, contributi e cose simili ad una paga misera;
  3. Mettigli accanto un ragazza viziata all'inverosimile che lo martelli con questioni futili ogni cinque minuti;
  4. Fagli mettere da parte centesimo dopo centesimo un misero gruzzolo con la speranza che un giorno possa goderselo;
  5. Mettigli in mano una raccomandata in cui gli viene rivelato che tutto ciò che è riuscito a mettere da parte facendosi il culo non basterà a coprire la rata dell'assicurazione del cesso a quattro ruote che gli hanno venduto con l'inganno;
  6. Fai recitare nel suo orecchio dalla ragazza il suo disappunto a dover sprecare una giornata per pensare ai suoi cazzi;
  7. Fagli trovare una borsa in cui avrai precedentemente collocato una mitraglietta comprata al mercato nero con diversi pacchi di munizioni pronte all'uso;
  8. Portati a distanza di sicurezza.

Riflessioni sulla tazza del cesso #23

Secondo il Molto Onorevole Genitore, nato in terra di dogi, avrei l'ingegno di un veneto.

L'amico d'infanzia che mi conosce talmente bene da poter scrivere una biografia dice che ho uno stile di scrittura a metà fra Chuck Pahlaniuk e Warren Ellis.

Il collega che mi vede raccogliere ramini da due centesimi dice che ho la tirchieria di Paperon De Paperoni.

I capi del precedente lavoro che venivano dalle province meneghine con in dote un bagaglio di pregiudizi sulla voglia di lavorare romana dicevano che lavoro più di un milanese.

I clienti del ristorante sostengono che potrei fare il cabarettista.

Se dovessi stare a sentire tutta 'sta gente dovrei essere il Leonardo del terzo millennio. O Lex Luthor. O Mark Zuckerberg.

Invece mi sento spiritualmente vicino a Drugo.


martedì 4 settembre 2012

Riflessioni sulla tazza del cesso #22



Princess Nympho sta facendo un corso d'aggiornamento a Roma (aggiornamento di cosa non l'ho ancora capito), il che vuol dire che per un paio di settimane ci vedremo giusto durante il mio giorno di riposo.

Sai che vuol dire? Che per un paio di settimane potrò godermi quel paio d'ore di riposo fra un turno e l'altro spalmato sul divano a farmi tante pippe mentali come non mi capitava da un anno a questa parte.

Non fraintendermi, amo Princess Nympho, le voglio un bene dell'anima e facciamo tanto di quel sesso da bastarmi per un paio di vite in più.

Ma comincio seriamente ad aver bisogno dei miei spazi.

sabato 1 settembre 2012

Cazzo!



E così siamo arrivati al primo settembre.

Probabilmente per te è solo un altro giorno sul calendario, ma per me vuol dire che che l'estate (e la primavera, se è per questo) è passata praticamente senza che me accorgessi.

E per "senza che me ne accorgessi" intendo dire che non ho potuto fare praticamente un cazzo: niente ferie, niente mare, cazzo, neanche una scampagnata di merda in una merdosissima pineta.

Ma c'è una buona notizia: dopo due giorni ho finalmente fatto una cagata come si deve.

Educazione sessuale



Princess Nympho ha trovato la cartella dei porno sul mio computer.

La scenata è durata due minuti.
Ovvero il tempo che mi è servito per spiegarle che il giochino che ieri sera le è piaciuto tanto l'ho imparato su Big Tit At Work.