Lettori fissi

lunedì 19 agosto 2013

Non sono morto. Ma neanche vivo. ZOMBIE???


No, non sono morto. Sono solo due settimane che lavoro ad una media di sessanta ore settimanali.

Princess Nympho ha cominciato a dubitare della mia fedeltà. Non ne ha motivo ma per sicurezza la tengo lontana da coltelli, forbici e altri arnesi affilati che potrebbero entrare in rotta di collisione con i miei genitali.

Il Molto Onorevole Genitore, dopo tre computer bruciati ed uno in procinto di fare la stessa fine, ha deciso che gli serviva il mio portatile per andare su internet per controllare la posta. Come se non sapessi delle sue visite su Cam4 e PornHub, visite che mi hanno creato non poche rotture di cazzo con P.N. che usava poi il pc e trovava la cronologia.

Contessa Luna continua a fare apprezzamenti sul sottoscritto e sulle mie presunte abilità amatorie. Come se Princess Nympho avesse bisogno di altri moventi per dubitare di me. Però, forse, in questo caso non avrebbe poi tutti i torti.

Ho passato la vigilia di Ferragosto a dare fuoco a Marshmellow inzuppati nel rum in un falò organizzato alla bell'e meglio sulla spiaggia.

In tutto questo, l'essere costretto a ricorrere a sveltine pidocchiose per avere una vita sessuale degna di questo nome non giova all'umore.

Confesso di non vedere l'ora che Agosto finisca. Godo al pensiero che fra poche settimane le strade si riempiranno di studenti ed impiegati che strascicano i piedi verso scuole e posti di lavoro lasciando con le loro lacrime scie da lumache. Perché io sono stato costretto a servirli e riverirli per tutta la cazzo di estate.

1 commento: