Lettori fissi

martedì 31 dicembre 2013

10 buoni propositi per l'anno nuovo


So già che faranno la fine di quelli per l'anno vecchio, ma facciamo finta lo stesso che serviranno a qualcosa:
  1. cambiare lavoro;
  2. leggere almeno cinque libri;
  3. smettere definitivamente con le droghe leggere;
  4. cominciare con quelle pesanti;
  5. smettere di farmi le seghe sulle amiche di P.N.;
  6. realizzare 'sto cazzo di film che vado dicendo da decenni di voler fare;
  7. scrivere un'antologia di finte inchieste giornalistiche
  8. costruire un cannone ad'aria compressa;
  9. fare qualche sport;
  10. scopare di più.

lunedì 30 dicembre 2013

Fanculo 2013


Neanche il tempo di tirare un sospiro di sollievo per averla scampata a Natale, che subito vengo a sapere che il primo devo attaccare di mattina presto.

Princess Nympho organizza per festeggiare il 31 in un ristorante. Scopro ora che non ha prenotato. Ne' si è informata se il locale sia aperto o meno.

Contessa Luna si offre di mettere a disposizione casa sua. Propone anche una cena a base di pasta al forno. Princess Nympho dice di no perché ha mangiato pasta al forno a Vigilia, Natale e Santo Stefano: vuole prendere una teglia di pizza a taglio.

A questo aggiungi che:

  • oggi è il mio giorno di riposo e sono stato svegliato praticamente all'alba per fare da tassista (inutilmente); 
  • che in famiglia rompere il cazzo al sottoscritto perché non s'impegna seriamente a trovare un lavoro serio (ma che davvero?) pare sia diventato lo sport nazionale
  • che abbia dovuto rinunciare ad impartire serie lezioni di educazione civica e stradale a suo di cric ad un tizio per colpa di una volante che passava casualmente;
  • che devo sputtanare tutti i piani per il pomeriggio per rotture di cazzo burocratiche.


Direi che 'sto 2013 si conclude coerentemente con la sua essenza.

sabato 28 dicembre 2013

L'anno prossimo? Viagra?


Prima il mal di schiena.

Poi l'impossibilità di dormire senza pigiama.

Ma è il trovare una borsa dell'acqua calda elettrica sotto l'albero che fuga ogni dubbio sul fatto che non hai più l'età. O quanto meno il fisico.


venerdì 20 dicembre 2013

Ho appena visto il video di miley cyrus. Hai presente? Quello dove dondola su una palla demolitrice vestita solo di un paio di antinfortunistiche?

Mi chiedevo... da quando stare sulle palle ha smesso di essere una cosa negativa?

giovedì 19 dicembre 2013

Strani sintomi


Non c'è niente di preoccupante se a metà della scena anale di un porno decidi di lasciar perdere e chiudere youporn.

Lo è se lo fai perché trovi una partita di Candy Crush Saga molto più interessante.

martedì 17 dicembre 2013

Botte di Natale


Il Compleanno Santo si avvicina, e la crisi spinge parecchi (almeno dalle mie parti) giovani a vestire gli scarlatti panni di Babbo Natale per intrattenere i più piccini e fasi prendere per il culo dai più grandicelli. Tutto per intascare qualche spicciolo.

Ho visto uno di loro, oggi, mentre cercavo (col beneplacito di Princess Nympho) sex-toys a buon mercato da regalare a Contessa Luna (uscita di recente dall'ennesima delusione sentimentale barra sessuale) che ne ha espresso l'esplicito bisogno.

Suonava la campana e, a differenza di molti altri che ho visto, non sembrava aver bisogno degli antidepressivi per sorridere ai bambini che gli si avvicinavano. Sembrava divertirsi.

Uno dei ragazzini a un certo punto gli si avvicina. Avrà avuto otto o nove anni. Hai presente quando vedi una scena ma ti sembra di guardarla al rallentatore? Una cosa tipo "non sta succedendo veramente" o "nah, non lo farà, dai"?

Beh, ho visto quel piccolo pezzo di merda caricare il pugno e impattare le sue nocche sul pacco natalizio del tizio, che si è accasciato tra gli sguardi ammutoliti degli altri ragazzini e le risate del padre del bastardello.

Lo sapevi che nelle regioni di lingua tedesca c'è una figura chiamata Krumps, una specie di Anti-Babbo Natale che la notte di San Niccolò se ne va in giro armato di fruste e catene per pestare i bambini cattivi?

Se tirassero fuori una figura del genere per le feste farei domanda di assunzione.

E lavorerei gratis.

lunedì 9 dicembre 2013


Collega: -Oi Lovas, c'hai una faccia che neanche Berlusconi dopo il voto sulla decadenza, tutto bene?

Lovas: -Mah, diciamo che sto sperimentando i preamboli di una depressione.-

Collega: -Beh, sai come si dice, no? Non pensare a quello che non hai, pensa a quello che hai.-

E io penso. Ho trent'anni. Un lavoro di merda pagato da fame con contributi che non mi basteranno neppure per pagarmici il caffè. Una convivenza alle porte con conseguente matrimonio monoreddito.

Lovas: -Non funziona.-

PS: seconda settimana senza sesso: il soggetto comincia a mostrare segni di squilibrio.

Backyard Grinch


Da quando ho (ri)cominciato a lavorare in questo ristorante l'unica ricorrenza che posso (e sono felice di) festeggiare come un comune mortale è il Compleanno Santo (noto ai più come Natale), perché il locale è chiuso

Prima di bruciarmi sul rogo per vilipendio all'ateismo lascia che ti dica una cosa: sono due anni che passo ogni fottuta festività a servire ai tavoli con turni che vanno dalle otto alle quattordici ore filate: Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, Primo Maggio, Star Wars Day, Giorno della Marmotta, dimmi una festività ed è certo al 99,99% che l'abbia passata lavorando.
Senza un contratto degno di questo nome che mi consenta di avere la maggiorazione per le feste.
Ad una paga oraria su cui sputerebbe una donna di servizio rumena.

Festeggiare il Natale è l'unica cosa che m'impedisce di avere raptus omicidi, ed l'unica cosa che impedisce alla mia famiglia di chiamare Chi L'ha Visto per avere mie notizie.

Hai il quadro della situazione? Bene.

L'altra sera il principale ha manifestato il desiderio di tenere aperto anche a Natale.

Non è di lavorare che mi manca la voglia: ma di farmi prendere per il culo.

mercoledì 4 dicembre 2013

Vodka, scommesse e mutandine di pizzo.

Se te lo stai chiedendo: NO, NON SONO IO.

Premessa

Io e Princess Nympho attraversiamo un periodo di, diciamo così, astinenza coatta.
Non per un calo del desiderio, sia ben chiaro, ma è un dato di fatto che da un paio di mesi a questa parte turni del cazzo, parenti invadenti e possibilità finanziarie striminzite hanno dato un freno alla nostra vita sessuale.

Ed è in periodi come questo che di solito comincio a flirtare con la mia omosessualità repressa.

Mutatis Mutande

Non voglio girarci intorno: mi sono travestito.
C'è voluta una scommessa persa (su cosa vertesse neanche lo ricordo) e un quantitativo di vodka in corpo che avrei rischiato un ritorno di fiamma se avessi pisciato su un fuoco, ma mi sono messo un completino intimo che P.N. aveva lasciato a casa mia (lo stesso che abbiamo usato per quel filmino che aspetta il suo ok per essere postato su youporn).

Mi è piaciuto? Piaciuto è una parola grossa: il corpetto mi ha quasi asfissiato, e il tanga mi ha praticamente segato in due il culo. Però è stato divertente.

Sto pensando di continuare su questa strada? Ci ho pensato. e la risposta è no. Per due ragioni fondamentali:

#1 Il fisico: seriamente, per poter continuare a fare una cosa del genere dovrei farmi scolpire l'addome con un Milkor MGL e farmi un peeling con l'Agente Arancio;

#2 La pigrizia: se credessi in Dio lo ringrazierei per il fatto che essere uomo mi permette di uscire di casa senza stare a pensare a trucco, capelli e altre cose simili;

Poi, mi conosco e so che probabilmente posterei su internet le mie foto en femme, ne aggiungo un terzo: le convenzioni comuni.

Non ho voglia di tirare in ballo le solite stronzate sull'ipocrisia e cazzi vari, ma è innegabile che viviamo in una società che considera un culo peloso in perizoma indice di scarsa professionalità, e continuare a lavorare in quel ristorante non è esattamente in cima alla lista delle mie ambizioni.