Lettori fissi

giovedì 17 settembre 2015

È passato un mese da che ho lasciato l'Aanziana Progenitrice Del Lato Paterno Della Famiglia a godersi il (più che) meritato riposo all'ombra di un cipresso.

so che è colpevole da parte mia, ma non posso fare a meno di sghignazzare al pensiero della faccia di P.N. quando ha visto la foto della lapide di mio nonno.

So di avergli staccato la faccia, ad eccezione dei baffi.

A sentire Il Molto Onorevole Genitore quella che condivido col nonno non è solo una somiglianza fisica: a quanto pare aveva il mio stesso carattere. E faceva due lavori, proprio come me.

È morto a cinquantacinque anni. Di crepacuore. Dopo aver passato la vita a lavorare per la sua famiglia.

Spero di non assomigliargli anche in questo.

Senza offesa, eh nonno.




sabato 12 settembre 2015

A volte ritorno

come la pantera che se ne va a spasso per le campagne.

Come l'emergenza immigrazione.

Come Berlusconi.

Ho latitato per un po' da queste parti. Veramente ho latitato qualsiasi cosa avesse a che fare con una vita sociale.

Capita quando in una giornata di ventiquattr'ore ti ritrovi a passarne quattordici diviso fra lavoro ed un corso di formazione per un'azienda talmente riservata che mi cancellerà la memoria il giorno in cui dovessi decidere di andarmene (non scherzo, è scritto sul documento di riservatezza che ho firmato).

Ed il resto a recuperare le quattro ore di sonno per notte e ad espletare funzioni richieste ad un normale essere umano (si, mangiare e cagare sono fra queste).

Per un mese di fila.

Questa routine è servita a qualcosa, oltre a farmi assomigliare (psicologicamente) a Tyler Durden?

Direi di si: un bel contratto.

Siamo tutti contenti, giusto?

COL CAZZO.

Si perché alla fine è il classico pezzo di carta igienica della durata di tre mesi, per una paga oraria, al netto, praticamente uguale a quella attuale, part time (quindi meno ore).

Ok, sono un cagacazzi incontentabile, lagnoso e irritabile, ma lo saresti anche tu se ti ritrovassi costretto ad un doppio lavoro, quando hai disintegrato le tue relazioni sociali per evitarlo, giusto?

Detto questo: con P.N. Tutto bene, anche se l'avvenenza di certe nuove colleghe le stia risvegliando qualche paranoia.

Ho seppellito l'altra mia nonna: da questo 2015 tutto mi aspettavo tranne di fare la doppietta.

Sto pensando di fare un cortometraggio su 'sto blog: auto celebrativo e supponente da parte mia, ma alla fine mi sembra l'unica cosa buona stia vomitando la mia mente.

E ora il meteo.